Il termine Prebiotico indica un gran numero di sostanze organiche che sono in grado di favorire la crescita della flora batterica intestinale

, in quanto rappresentano un substrato nutritivo preferenziale dei batteri probiotici più importanti, i Bifidobatteri e i Lattobacilli.
Sono soprattutto zuccheri fermentescibili che passano indigeriti a livello intestinale.
Il Prebiotico più conosciuto è l'Inulina, uno zucchero che è presente in cipolle, asparagi, carciofi, frumento, soia, banane, cicoria e indivia belga.

Mangiare questi cibi, soprattutto la verdura, è utile per assumere fibre, è utile per creare massa fecale necessaria per la propulsione e per nutrire i nostri batteri probiotici intestinali.

Dott. Roberto Colombo

Medico Chirurgo, Specialista in Microbiologia, SYNLAB Italia.
Dal 2017 fa parte del Board Scientifico del progetto IUNIC, impegnato nella costruzione di percorsi innovativi ed esclusivi di medicina personalizzata al servizio del benessere per Medici e Specialisti.

Lascia un commento o fai una domanda al medico

Questo sito utilizza cookies tecnici per migliorarne il funzionamento e cookies analitici di terze parti per raccogliere informazioni su come gli utenti lo utilizzano.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la nostra Cookies Policy (Leggi qui).
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner o clicchi ok, acconsenti all’uso dei cookies.